EMILIA-ROMAGNA dal 16 gennaio in ZONA ARANCIONE

Il Ministro della Salute ha confermato la collocazione della Regione Emilia-Romagna in zona “arancione” – di seguito alcune delle principali misure:
➡️RISTORAZIONE. Chiusi bar e ristoranti 7 giorni su 7: l’asporto è consentito fino alle 22, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze; per chi svolge attività prevalente identificata dai codici ATECO 56.3 (bar e altri esercizi simili senza cucina) e 47.25 (commercio al dettaglio di bevande in esercizi specializzati) l’asporto è consentito solo fino alle ore 18. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.
➡️NEGOZI aperti, ma nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti
all’interno dei centri commerciali, gallerie commerciali, parchi commerciali e altre strutture ad essi assimilabili, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie.
➡️MERCATI: si svolgono regolarmente
➡️SPOSTAMENTI. Oltre al divieto di circolazione dalle 22 alle 5 del giorno successivo (salvo comprovati motivi di lavoro, studio, necessità e salute) e al divieto di spostarsi tra regioni o province autonome, vige il divieto di spostamento da un Comune a un altro, sempre salvo comprovati motivi di lavoro, studio, necessità e salute; lo spostamento verso una sola abitazione
privata è consentito, nell’ambito del territorio comunale, una volta al giorno fra le 5 e le 22, nei limiti di due persone oltre a eventuali minori di 14 anni e disabili o non autosufficienti conviventi; è ancora prevista la deroga che consente gli spostamenti dai piccoli comuni – fino a 5mila abitanti – in
un raggio di 30 chilometri, senza poter andare nei comuni capoluogo di provincia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.